Pubblichiamo uno stralcio del bando

Oggetto e finalità dell’Avviso
Il presente Avviso pubblico è finalizzato all’attivazione di tirocini extracurriculari di inserimento e/o reinserimento al lavoro da svolgersi in Sardegna, rivolti a cittadini che abbiano compiuto 30 anni, comunitari residenti in Sardegna o extracomunitari regolarmente soggiornanti.
Il tirocinio non costituisce rapporto di lavoro, ma è una esperienza pratica in affiancamento ad un Tutor all’interno di un contesto lavorativo, finalizzato ad acquisire competenze e conoscenze specifiche, tecniche, relazionali e trasversali, tali da agevolare le scelte professionali e favorire l’ingresso o il reingresso nel mercato del lavoro.
Per attivare un tirocinio è necessaria la collaborazione tra tre soggetti: il Soggetto Promotore (SP), il Soggetto Ospitante (SO) e il Tirocinante.
Ai sensi del presente Avviso, il Soggetto Promotore è l’Agenzia Sarda per le politiche attive del lavoro (di seguito ASPAL), a cui è affidato il compito di promuovere, attivare, gestire e monitorare i tirocini.
Il rapporto tra Soggetto Ospitante e Soggetto Promotore è disciplinato da apposita Convenzione.
Il tirocinio si realizza sulla base del Progetto Formativo Individuale (PFI), concordato tra SP, SO e Tirocinante. Il PFI definisce gli obiettivi formativi da conseguire, nonché il dettaglio delle modalità di realizzazione del tirocinio.
Per quanto non previsto nel presente Avviso, i progetti di tirocinio sono regolamentati dalla L. R. 9/2016, dalle disposizioni contenute nella D.G.R. n. 34/7 del 03.07.2018 e dal Regolamento per l’attivazione di tirocini extracurricolari di inserimento e reinserimento lavorativo, approvato con Det. Dir. n. 1838/ASPAL del 09.10.2018 (di seguito Regolamento ASPAL), ai sensi dei quali l’ASPAL svolge funzioni di Soggetto Promotore.
Il Soggetto Ospitante e il Tirocinante possono presentare richiesta di attivare un progetto di tirocinio a valere sul presente Avviso a partire dal 20.06.2019 tramite il portale Sardegna Lavoro www.sardegnalavoro.it (di seguito SIL).

Destinatari
I progetti di tirocinio di cui al presente avviso sono rivolti a soggetti in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione del progetto di tirocinio:
– 30 anni compiuti;
– essere cittadini comunitari residenti in Sardegna e cittadini extra UE regolarmente soggiornanti alla data della presentazione del progetto1;
– disoccupati ai sensi dell’articolo 19 del D. Lgs. 150/2015 del 14/09/2015 e ss.mm. ii.”
Non è possibile attivare tirocini in favore di destinatari che abbiano svolto un tirocinio finanziato dal presente Avviso, salvo il caso di rinuncia prima dell’avvio (cfr. punto 2 del paragrafo 6). Inoltre, non è possibile attivare tirocini in favore di destinatari che abbiano svolto anche parzialmente un tirocinio cofinanziato dall’Avviso Tirocini 2017.

Disciplina del tirocinio
Durata
La durata del tirocinio è di 6 mesi. Non sono ammesse proroghe. In particolare:

Rinuncia
In caso di rinuncia prima dell’avvio del tirocinio da parte del Soggetto Ospitante e del Tirocinante, è riconosciuta all’aspirante Tirocinante la possibilità di ripresentare un nuovo progetto a valere sul presente Avviso, fermo restando il possesso dei requisiti e la disponibilità finanziaria.
Il Soggetto Ospitante e/o il Tirocinante possono presentare al Soggetto Promotore istanza motivata di interruzione anticipata. Sarà cura del Tutor del Soggetto Promotore procedere all’interruzione del tirocinio.
L’interruzione decorre dalla data registrata dall’ASPAL nel sistema informativo lavoro – SIL (www.sardegnalavoro.it), nella sezione dedicata ai tirocini. Pertanto il Soggetto Ospitante è tenuto ad effettuare la cessazione anticipata del tirocinio inviando la Comunicazione Obbligatoria (C.O.), riportando la stessa data di interruzione registrata dall’ASPAL.
È vietata l’interruzione del tirocinio nei casi di sospensione indicati nel punto successivo e durante l’assenza giustificata del Tirocinante.

Il tirocinio può essere altresì interrotto d’ufficio dal Soggetto Promotore in caso di gravi inadempienze da parte di uno dei soggetti coinvolti (cfr. paragrafo 11).
Il Tirocinante ha diritto ad una sospensione del tirocinio nei casi di maternità, infortunio o malattia di lunga durata, intendendosi per tali i periodi che si protraggono per una durata pari o superiore a 30 giorni solari.
Il tirocinio può inoltre essere sospeso, una sola volta, in caso di periodi di chiusura aziendale della durata di almeno 15 giorni solari. Tale periodo deve essere previsto nella predisposizione del PFI e non può essere modificato successivamente.
Il periodo di sospensione non concorre al computo delle indennità mensili e della durata complessiva del tirocinio, che dovrà essere di 6 mesi effettivi (non considerando il periodo di sospensione).

Riposi
Il tirocinante ha diritto ad almeno un giorno di riposo settimanale coincidente con la domenica. Nel caso in cui l’orario di tirocinio preveda 6 ore al giorno, il tirocinante usufruirà di un secondo giorno di riposo settimanale. Il tirocinante ha inoltre diritto a 2 giornate di riposo compensativo al mese per garantire il recupero delle energie psico-fisiche2 da concordare con il proprio Tutor interno ed essere godute, anche cumulativamente, solo se effettivamente maturate.
Il tirocinio, non essendo un rapporto di lavoro, non prevede alcuna forma di retribuzione, ma soltanto un’indennità di partecipazione.
Ad ogni Tirocinante è riconosciuta un’indennità mensile lorda di € 450,00 per i 6 mesi di tirocinio, pari a complessivi € 2.700,00, a valere sulle risorse del PO Sardegna FSE 2014-2020 – Asse 1 Occupazione, Azione 8.5.1.
L’ indennità sarà erogata direttamente dall‘ASPAL, posticipatamente rispetto al mese di riferimento ed a seguito del perfezionamento da parte del SO e del Tirocinante di tutti gli adempimenti previsti, come meglio specificati nel successivo paragrafo 8. Al Soggetto Ospitante è data facoltà di integrare l’indennità di tirocinio, dandone precisa indicazione nel progetto formativo individuale.
L’indennità mensile è erogata esclusivamente a fronte del raggiungimento di almeno il 70% delle ore di presenza, comprensive delle ore di assenza giustificata, per il mese di riferimento.
L’indennità mensile non è dovuta nel caso in cui il Tirocinante svolga l’attività di tirocinio per un numero di ore inferiore al 70% nel mese di riferimento.
Nell’ipotesi di sospensione (cfr. punto 4 del paragrafo 6), l’indennità di tirocinio è anch’essa sospesa qualora nei mesi di riferimento della sospensione non si sia raggiunto il 70% delle ore valide. In tale ipotesi, l’indennità potrà essere comunque riconosciuta al termine del tirocinio, qualora si sia raggiunto il 70% delle ore valide, considerando i mesi interessati dalla sospensione e il periodo di prolungamento del tirocinio3.
L’indennità non sarà sospesa per il mese o i mesi interessati dalla sospensione, qualora il tirocinante abbia raggiunto il 70% delle ore valide.
In caso di interruzione anticipata del tirocinio, l’indennità relativa al mese di riferimento della sospensione è riconosciuta solo se il Tirocinante ha raggiunto almeno il 70% delle ore di presenza.
Le assenze giustificate disciplinate dal Regolamento ASPAL per i casi di malattia, infortunio, riposo settimanale, riposo compensativo e festività riconosciute, concorrono al calcolo delle ore mensili per il riconoscimento dell’indennità. Le assenze non riconducibili a tali tipologie e non rientranti nei casi di sospensione (cfr. punto 4 del paragrafo 6), sono considerate assenze ingiustificate.
L’erogazione dell’indennità avviene mediante bonifico bancario/postale, a seguito della chiusura mensile del Libretto delle presenze effettuata dal Soggetto Ospitante sul SIL.
Il Tirocinante, in fase di predisposizione del progetto, dovrà indicare l’IBAN4, collegato al conto corrente bancario/postale intestato/cointestato al Tirocinante, attraverso il quale riceverà
2 La prima giornata di riposo compensativo si matura al 1° giorno del mese e la seconda al 16° giorno del mese.
3 A titolo esemplificativo: un S.O. definisce nel PFI una chiusura aziendale di 20 giorni solari nel mese di Agosto, per un tirocinio la cui durata complessiva va dal 1° Aprile al 20 Ottobre. Ai fini del calcolo dell’indennità relativa al mese di sospensione si terrà conto delle ore valide considerando i 10 gg solari di Agosto e i 20 giorni solari di Ottobre. 4 L’IBAN può essere anche collegato ad una carta prepagata, purché l’IBAN sia valido ai fini del riconoscimento dell’accredito per il bonifico.

l’accreditamento delle indennità mensili. L’ASPAL declina ogni responsabilità in caso di sottrazione delle somme corrisposte, da parte di eventuali cointestatari del conto corrente.
La chiusura mensile delle presenze sul SIL da parte del Soggetto Ospitante rappresenta il presupposto per il riconoscimento mensile dell’indennità.
Il Soggetto Ospitante è tenuto a rispettare la chiusura del Libretto mensile entro il settimo giorno solare del mese successivo a quello di riferimento, al fine di garantire la puntuale erogazione dell’indennità da parte dell’ASPAL.
Dal punto di vista fiscale, l’indennità corrisposta al Tirocinante è considerata quale reddito assimilato a quelli di lavoro dipendente (cfr. art. 50, comma 1, lettera c, D.P.R. n. 917/1986 TUIR). La partecipazione al tirocinio non comporta la perdita dello stato di disoccupazione ai sensi del Decreto Legislativo n. 150 del 14 settembre 2015.

DOMANDE

Le domande di partecipazione al bando per gli stage ASPAL devono essere presentate, secondo quanto indicato nel bando, attraverso il portale web www.sardegnalavoro.it, area ‘Tirocini > Avvio e Gestione Progetti’, previa registrazione sulla piattaforma.

Ulteriori comunicazioni in merito agli avvisi pubblici per gli stage in Sardegna saranno rese note attraverso il portale web dell’ASPAL.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here